Il fenomeno della sigaretta elettronica

Il fenomeno della sigaretta elettronica

Introdotte sul mercato mondiale già da parecchi mesi, pare proprio che le sigarette elettroniche, abbiano ottenuto un discreto quanto inaspettato successo.

Come in tutte le novità, anche sulle sigarette elettroniche si è accesso un profondo dibattito perché contengono nicotina sotto forma liquida e ancora non si è capito se possa generare danni da fumo passivo.

I pareri sono innumerevoli e discordanti.

La sigaretta elettronica, emula perfettamente la vera sigaretta con un’unica e grande differenza e cioè che la sigaretta elettronica non contiene tabacco, ne catrame ma solo una miscela di glicole propilenico, glicerolo e aromi naturali che si inietta in un atomizzatore, tramite bottigline che contengono la sostanza.

Proprio per la mancanza di combustione, si ritiene che la sigaretta elettronica dia minore rischio di insorgenza di tumori.

Perché hanno riscosso successo

Sembra che un vasto pubblico di fumatori, abbia ampiamente approvato l’uso della sigaretta elettronica al posto delle normali sigarette, chi per la voglia di smettere di fumare, chi per la necessità di avere un’alternativa meno dannosa alla dipendenza da nicotina.

Innanzitutto, secondo il loro parere, si risparmia davvero tanto e poi non c’è più bisogno di accendino o fiammiferi ma di una semplice presa elettrica infatti, la sigaretta elettronica, si ricarica con una batteria formata da una camera di vaporizzazione ed una cartuccia di nicotina liquida.

Quest’ultima, viene vaporizzata ed inalata ai polmoni ed ha lo stesso gusto della sigaretta tradizionale con il grande vantaggio però, che non emana cattivi odori e non si respira catrame ed altre sostanza nocive all’organismo.

Il fumatore inoltre, può scegliere tra e-cigarette light o ultralight ed addirittura senza traccia di nicotina.

Le sigarette elettroniche infatti, sono state create in diversi modelli che accontentano un vasto gruppo di persone che possono scegliere il quantitativo di liquido da immettere nella cartuccia.

Come funziona la sigaretta elettronica

L’uso della sigaretta elettronica è alquanto semplice. Si avvita la batteria alla base, si riempie la cartuccia con la nicotina liquida, si preme un bottoncino che mette in moto la sigaretta, si aspira e si inala la quantità di “fumo”.

Il modello della sigaretta varia a secondo della marca ma il principio è il medesimo.

E’ inutile fare boccate troppo lunghe, perché la sigaretta elettronica si spegne automaticamente dopo 5 secondi esatti per poi riattivarsi appena si effettua la boccata successiva.

Il filtro va pulito periodicamente e necessita di una manutenzione ma non è nulla di difficile anzi, chi sta usando la sigaretta elettronica, trova il suo utilizzo, molto semplice.